Home



La finanziaria Angelss Finance Cooperation ha annunciato un programma di finanziamenti a tassi agevolati e joint venture a favore delle piccole medie impresi Ugandesi per accellerare la crescita economica del settore.

Il programma di finanziamento sará attuato in due tranche tra il 2012 e il 2013 e sará rivolto ai settori tecnologia, communicazioni, salute, educazione, ed edilizia. Per accedervi occorre presentare un dettagliato “business plan” che sará esaminato da un gruppo di esperti.

Solo i 25 migliori progetti con evidenti caratteristiche di innovazione verranno finanziati ad ogni tranche. Gli imprenditori selezionati godranno anche di consulenze di esperti per creare le condizioni piú favorevoli per la riuscita dei loro attivitá.

L’iniziativa della Angels Finance Cooperation ha riscontrato il parere favorevole del Governo Museveni che da parte sua agli inizii del settembre 2012 ha introdotto un decreto legge che apre le gare d’appalto statali anche alle piccole e medie imprese per favorire la loro crescita e privilegiare i prodotti “made in Uganda”.

Il mondo imprenditoriale Ugandese é prevalentemente controllato dagli indiani e dagli investitori stranieri. Teoricamente le piccole e medie imprese sarebbero di appanaggio degli ugandesi. In realtá molte di esse sono in mano di immigranti congolesi, senegalesi, tanzaniani e kenyoti che dimostrano aver maggior spirito imprenditoriale.

I settori preferiti sono: alimentari, abbigliamento, telefonia, mobili, trasporti. Rare le piccole industrie per la maggioranza concentrate sulla produzione di porte ed infissi in legno e metallo.

La scarsa presenza di ugandesi nell’economia produttiva nazionale sembra essere dovuta dall’atteggiamento culturale creatosi durante questo ventennio di boom economico generato dal Governo di Museveni (anche grazie alla rapina delle risorse natuarli del vicino Congo).

Applicando il dogma del libero mercato indirettamente si é installata nella popolazione il concetto del guadagno facile. Chi possedeva qualche capitale, anche modesto, si é buttato nel commercio o nell’artigianato trascurando la necessaria formazione.

Prodotti di bassa qualitá ed “astuzie” commerciali di corto respiro hanno soffocato lo sviluppo della classe imprenditoriale autoctona ora minacciata anche dai piccoli commercianti ed imprenditori cinesi.

Anche tra le grandi industrie pochi sono gli imprenditori ugandesi che riescono a mantenere produttiva l’attivitá, grasie alla  necessaria formazione ricevuta all’estero.

La maggioranza dei grandi industriali ugandesi affida la crescita economica alle conoscenze e alla corruzione per acquisire contratti statali, soprattutto nelle infrastrutture, con risultati catastrofici.

Opere pubbliche di scarsa qualitá, lavori abbandonati o mai iniziati, mancato pagamento della mano d’opera, corruzione e falsi in bilancio.

La situazione é talmente degenerata che il Governo é stato costretto a prendere dei provvedimenti per arginare il fenomeno.

Da una parte incoraggia la formazione tecnica, amministrativa e l’acesso ai finanziamenti, dall’altra inizia a punire severamente i casi di corruzione e gli imprenditori che non portano a termine i contratti o che eseguono lavori sub standard.

Il Presidente Yoweri Museveni sta lanciando un piano economico trentennale (Vision 2040) con l’obiettivo di trasformare l’Uganda in un Paese Emergente. Le possibilitá di riuscite esistono anche grazie alle scoperte di grossi giacimenti petroliferi che dovrebbero dar il via all’epoca d’oro del Paese.

Nonostante i futuri profitti petroliferi il Paese necessita di una seria rivoluzione industriale e di una nuova mentalitá imprenditoriale che si dissoci dal mito del guadagno facile.

Fulvio Beltrami

Kampala Uganda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...