Home

Arsenal Football Club dal giugno scorso, in partenariato con la multinazionale di comunicazioni indiana Airtel si é impegnata in un programma triennale di promozione del calcio giovanile in cinque paesi africani: Ghana, Nigeria, Rwanda, Uganda, Zambia.

Il programma: denominato Airtel Rising Stars (le Stelle Emergenti di Airtel) prevede il supporto, sia finanziario che tecnico, alle squadre africane under 18 (anche femminili).

Sono previste anche forme di marketing quali l’estrazione di biglietti gratuiti per assistere le partite del Arsenal durante il campionato di calcio britannico 2012.

La multinazionale Indiana supporta anche il campionato Ugandese e la nazionale: Cranes.

L’Arsenal é la squadra calcistica più popolare in Africa con 45 milioni di fans. Seguono, Manchester Unite, Real Madrid, Barcellona, Milan e Juventus.

Rising Stars offre al Arsenal un’ottima visibilità attraverso il Marketing sociale che trova riscontro economico nella vendita di magliette, capellini e gadget con il logo Arsenal di cui l’azienda calcistica riceve le loyalties per i diritti d’autore (escluse purtroppo le imitazioni cinesi).

L’aspetto più interessante rimane quello di scoprire giovani talenti da ingaggiare, che possono rappresentare futuri investimenti per campioni per l’Arsenal e importanti risorse da porre sul mercato calcistico.

Sempre più giocatori africani o di origine africana giocano nelle squadre calcistiche europee come Mario Barwuah Balotelli di origine Ghanese che gioca nel Manchester United e nella Nazionale Italiana
Manchester United.

Purtroppo non tutte le nuove star africane reggono la notorietà e soprattutto i salari percepiti che risultano totalmente inauditi per gli standard africani, come il caso del giocatore ugandese Savio Nsereko, 23 anni, recentemente arrestato nella città turistica di Pattaya in Thailandia per aver tentato di estorcere alla sua famiglia 5.000 euro inscenando un finto rapimento.

Nsereko iniziò la sua carriera giocando nella nazionale tedesca Under 20. Continuò nella Serie B italiana con il Brescia passando successivamente al West Ham nel 2009 che lo acquistò per 9 milioni di sterline, al Munich e Juve Stabia.

L’ultimo suo ingaggio é stato presso Unterhaching dove ha perso l’ingaggio. Secondo l’allenatore del Unterhaching il giocatore pur avendo un gran talento, era incapace di concentrarsi negli allenamenti ed era abituato a sparire per diverse settimane. Nsereko ha giocato la sua ultima partita per la squadra tedesca il 10 ottobre scorso contro il Sportfreunde Aying.

Tale comportamento é stato registrato anche nelle altre squadre calcistiche che lo hanno ingaggiato. L’allenatore della Juve Stabia, Piero Praglia rivela che il giocatore ugandese spesso disertava gli allenamenti sparendo senza possibilità di rintracciarlo e ricomparendo quando voleva.

Con un salario mensile di 140.000 euro Nsereko non é riuscito a gestire la sua fama, preferendo la vita mondana rispetto agli allenamenti. Era un noto frequentatore di ristorante di lusso, discoteche e amante di prostitute d’alto bordo.

Fulvio Beltrami

Kampala Uganda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...