Home

Immagine

Il Governo Federale Somalo ha firmato un accordo  di collaborazione con l’Italia e l’Unione Europea contro l’immigrazione illegale. A confermarlo é il portavoce del Governo Ridwan Hajji Abdiweli durante una conferenza stampa giovedí 3 ottobre 2013.  “Il Governo Somalo sta finalizzando un piano di sicurezza per impedire ogni tipo di immigrazione illegale in Europa”.

L’accordo firmato con il Governo Italiano sarebbe precedente alla tragedia di Lampedusa dove migranti somali ed eritrei sono periti durante il naufragio vicino all’Isola dei Conigli. Il Primo Ministro Somalo Abdi Farah Shirdon ha espresso le sue condoglianze alle famiglie dei concittadini periti nel naufragio di Lampedusa, evitando ogni commento e polemica sull’accaduto.

Fino ad ora non si sono ottenute conferme dalla Farnesina sull’accordo stipulato. Dubbi sulla efficacia dell’accordo. I migranti somali per raggiungere le coste italiane passano per la Libia attraverso il Darfur in Sudan. Spesso sono vittime di rapine o omicidi attuate dai ribelli del Darfur e da varie milizie libiche. Il Governo Somalo non ha alcuna possibilitá di controllare i flussi immigratori non avendo il controllo della maggioranza delle sue frontiere.

La Somalia é in guerra civile dal 1991. Nel 2012 é stato formato un Governo Federale e i leader dei vari clan hanno eletto il Presidente Hassan Sheikh Mohamud   che sta tentando di unificare il paese sotto uno Stato Federale. Ancora attivo e pericoloso il gruppo islamico Al-Shabaab che ha governato la maggioranza del paese dal 2004 al 2007, prima che l’invazione Etiope ponesse fine al tentativo di imporre un governo islamico in Somalia. Dal 2007 l’esercito Etiope collabora con le forze di pace dell’Unione Africana: AMISOM, guidate dall’Uganda dove Burundi e Kenya partecipano. L’impegno Kenyota nella lotta contro il terrorismo nel Corno d’Africa ha attirato le ire di Al-Shabaab che hanno inziato un anno fa una offensiva terroristica in Kenya culminata con l’attacco al centro commerciale Westgate, Nairobi, il 21 settembre scorso.

L’ultimo accordo sul controllo dei flussi immigratori stipulato dall’Italia con un paese africano fu quello firmato con l’ex dittatore libico Gaddafi, oggetto di pensanti critiche di organizzazioni internazionali, compreso le Nazioni Unite, in quanto palesamente in violazione dei diritti umani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...