Home

Immagine

Il Presidente Barak Obama ha dominato i funerali di Nelson Matiba Mandela dove era presenti oltre 100 Capi di Stato, descrivendo Mandela come l’ultimo liberatore del Ventesimo secolo capace di portare una nazione verso la giustizia e scuotere milioni di coscienza nel mondo. Il suo omologo francese, Francois Hollande si é accontentato di un ruolo di secondo ordine, essendo concentrato sulla Repubblica Centroafricana dove si recherà dal Sud Africa.

Il ruolo di Star ricoperto dal Presidente Americano rientra nella strategia di rafforzare l’influenza degli Stati Uniti in Africa, attraverso il rafforzamento della cooperazione militare e il rilancio di quella economica tramite il varo di due grandi iniziative: la Power Africa Initiative e la Trade Africa Iniziative e il rafforzamento del trattato US-Sub-Sharan Africa Economic Cooperation Forum denominato AGOA.

Se in Africa la Casa Bianca sembra raccogliere successi in Asia si assiste ad una serie di difficoltà che rischiano di compromettere l’influenza americana nel Continente e indebolire gli alleati storici: Giappone e Corea del Sud.

Il progetto di cooperazione economica Trans-Pacific Partnership (TPP) stenta a decollare. Ideato nel 2010 prevede la creazione di un immenso mercato formato da paesi asiatici e americani: Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malaysia, Messico, Nuova Zelanda, Singapore, Stati Uniti e Vietnam.

La creazione di questo nuovo mercato, che totalizzerebbe il 40% dell’economia mondiale é stata voluta dagli Stati Uniti per creare una entità economica trans continentale in grado di contro bilanciare il peso dei giganti asiatici: Cina e India di cui le mire imperialiste si fanno sempre più sentire sia nel sub continente indiano che nel est asiatico.

Nonostante questa necessità strategica l’Amministrazione Obama, sotto pressione di potenti lobby economiche quali quella farmaceutica, rischia paradossalmente di far  fallire il progetto che permetterebbe una maggior presenza americana in questa delicata parte del pianeta.

L’accordo, originalmente previsto per il 2012, ha subito nuove difficoltà durante le negoziazioni svoltesi a Singapore che hanno costretto i paesi aderenti ad aggiornarsi nel gennaio 2014. Fughe di notizie dalla Casa Bianca parlano di manovre segrete americane per modellare il TPP in un mercato ad esclusivo vantaggio degli Stati Uniti e di forti resistenze da parte di altri paesi asiatici ed occidentali.

Il Trans-Pacific Partnership é da oltre un anno bloccato su diverse tematiche quali la possibilità di aprire il mercato americano alle industrie automobilistiche giapponesi e ai prodotti agricoli asiatici a scapito dell’agricoltura nazionale. Forti divergenze si riscontrano anche sui diritti di brevetti industriali in particolare l’industria farmaceutica.

L’Amministrazione Obama tenta di imporre diritti di esclusività su una gamma strategica di nuovi prodotti farmaceutici: i medicinali biologici prodotti da tessuti viventi.  Le multinazionali americane rivendicano un periodo di almeno 15 anni di esclusività al fine di recuperare i costi degli investimenti e continuare le ricerche per l’utilizzo di questi medicinali per curare malattie come i tumori. La liberalizzazione dei medicinali biologici permetterebbe la loro produzione a basso costo rendendoli accessibili a milioni di poveri nel mondo. Purtroppo, vista la capacità tecnica di riprodurli da parte di vari paesi asiatici quali il Vietnam, la lobby farmaceutica americana vuole evitare a tutti i costi che il mercato sia inondato di farmaci generici di stessa efficacia che distruggerebbero il monopolio acquisito.

Fulvio Beltrami

Kigali, Rwanda.

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...